Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Il Lunedì del Delfino

Le tre favorite già volano e dopodomani è già scontro diretto contro il Crotone all'Adriatico

Condividi su:

Raramente i pronostici d’inizio stagione vengono categoricamente rispettati, in qualsiasi campionato calcistico, ma stavolta il girone C di serie C, dopo appena 180 minuti giocati, ha già lanciato, da sole, in testa alla graduatoria e a punteggio pieno, le tre squadre che godevano appunto dei succitati favori: Catanzaro, Crotone e il nostro Delfino

Vero è che le due calabresi oltre a vincere segnano a raffica, mentre i biancazzurri finora hanno superato le avversarie di misura e con parecchi patemi d’animo, ma siamo solo all’inizio, per ora va bene così.

Ieri pomeriggio, dopo un primo tempo esaltante, i ragazzi di Mister Colombo hanno un po’ tirato il freno a mano nella ripresa, rimettendo in discussione il match nel finale, nonostante la superiorità numerica per un’espulsione subita dai laziali a un quarto d’ora dal fischio finale. Con il beneficio del dubbio potremmo pensare che magari, considerata (a torto) la gara già vinta, i giocatori avessero già proiettato la mente al match di dopodomani, mercoledì 14, quando all’Adriatico, con inizio alle ore 21, si presenterà proprio il Crotone, per una sfida forse già abbastanza decisiva, almeno sotto l’aspetto psicologico. Domenica 18 poi, nuova trasferta in terra laziale, contro la Viterbese.

I poco più di cento tifosi biancazzurri presenti ieri sugli spalti del Domenico Francioni di Latina, hanno incitato la squadra per tutti i novanta minuti, non dimenticandosi, però, di contestare il presidente Sebastiani, il quale nell’intervista senza il consueto contraddittorio post gara, ha dichiarato che senza di lui non ci sarebbe stata la gara e, quindi, nemmeno la contestazione. Verrebbe da dire che se lui non ci fosse mai stato davvero, forse all’indomani della storica promozione in serie A di Zemanlandia la Storia di questa Società avrebbe avuto risvolti molto diversi, chissà … 

Condividi su:

Seguici su Facebook