Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Il Città di Montesilvano esordisce con una sconfitta cedendo all’Angelana

Morgado e compagni sconfitti 7-3. Marzuoli: “Niente drammi. Ricordiamoci il nostro vero obiettivo stagionale”.

Condividi su:

Inizia con una sconfitta il campionato del Montesilvano. Come previsto alla vigilia, la trasferta umbra sul campo dell’Angelana si è rivelata molto dura, ma il 7-3 finale non rende merito alla partita giocata dai biancazzurri. Dopo il gol iniziale di Paolucci, il Montesilvano aveva infatti reagito alla grande, giocando un ottimo primo tempo chiuso in vantaggio per 3-1 grazie alla doppietta di Júnior e alla terza rete di Morgado. Nel secondo tempo però è venuta fuori l’Angelana, che ha confermato di essere una squadra costruita per vincere il campionato. A fine partita, il tecnico Gianluca Marzuoli ha spiegato il perché di una così grande differenza di rendimento tra primo e secondo tempo:

“Abbiamo giocato un ottimo primo tempo, chiuso meritatamente in vantaggio. Poi però abbiamo pagato dazio, e forse era prevedibile: non possiamo chiedere a Júnior, Morgado e Bibi di “tirare la carretta” per quaranta minuti, e quando loro sono calati è venuta fuori l’inesperienza dei nostri ragazzi. Davanti avevamo una squadra molto forte, che ci teneva a debuttare bene davanti al proprio pubblico, e considerando tutti questi elementi può succedere di prendere tanti gol in un tempo. Comunque niente drammi: sapevamo che questa partita era molto difficile, e perdere contro l’Angelana ci può stare. Dobbiamo sempre ricordarci il nostro vero obiettivo stagionale, che rimane quello di far crescere i nostri giovani, e questa crescita non può esserci se non si permette ai ragazzi di giocare e di sbagliare. Da lunedì si riparte, con il compito di cercare di essere più continui nel corso della partita e di evitare altre prestazioni a due facce”.

 

 

Condividi su:

Seguici su Facebook