Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Il lunedì del Delfino

Prova incolore del Pescara nell'anticipo di Cesena

| di Fabio Rosica
| Categoria: Sport | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Una prova incolore che nessuno si aspettava quella del Delfino al Dino Manuzzi di Cesena in uno dei tre anticipi della quindicesima giornata di Campionato. Difficile, forse impossibile, salvare qualcosa da questa trasferta, a partire dalla difesa, orfana in porta di Vincenzo Fiorillo, comunque egregiamente sostituito dal bravo Simone Aresti, guarda caso il migliore dei suoi, nonostante un paio d’incertezze e incolpevole sull’unico goal subito; inesistente o quasi la spinta sulle fasce, con Francesco Zampano doppiamente colpevole sulla rete di Antonino Ragusa, per aver causato il calcio di punizione e aver poi lasciato solo l’ex attaccante biancazzurro; il duo centrale tutto sommato se l’è cavata sufficientemente bene, ma ancora una volta, senza Hugo Campagnaro la porta del Pescara non riesce a rimanere inviolata per tutti i 90’.

Centrocampo inguardabile, il reparto finora migliore ha fallito completamente l’approccio alla gara e, cosa ben più grave, è stato incapace di cambiare passo per tutto l’arco della partita; inutile, se non addirittura peggiorativo, il cambio a inizio ripresa operato da Mister Oddo, con un fallosissimo Lucas Torreira (poteva essere espulso ben prima del 93’ se l’arbitro fosse stato più fiscale) al posto di un ectoplasmatico Rolando Mandragora. La linea mediana biancazzurra non è riuscita né a fornire il consueto apporto in fase offensiva né tanto meno a operare il giusto filtro agli attacchi romagnoli, che solo casualmente e per imprecisione, non sono riusciti a raddoppiare.

Polveri bagnate, infine, per i due Gianluca in attacco, con Caprari che ha provato a pungere in un paio di occasioni, senza però la consueta “cattiveria”, mentre Lapadula, tuttora capocannoniere della Serie B, ha disputato forse la sua gara peggiore in biancazzurro. L’occasione è buona per ricordare il fin qui, completo fallimento stagionale di Andrea Cocco, gettato nella mischia per gli ultimi venti minuti di gara e, per l’ennesima volta, apparso completamente alieno agli schemi di gioco … ci auguriamo di essere smentiti con i fatti fin dalla prossima partita di sabato prossimo, dove all’Adriatico scenderà uno Spezia sempre più in crisi di risultati ma appare evidente che l’allenatore ormai “non lo veda più”, il che dimostra che, molto probabilmente, l’attaccante sardo non riesca a mettersi in mostra nemmeno durante gli allenamenti settimanali.

Va detto che, sperando di non essere contraddetti, giocare peggio in futuro sarà ben difficile, al punto che potremmo affermare che il Cesena, sulla carta seconda forza del Campionato, in realtà non l’abbia esattamente vinta questa partita, ma l’ha persa il Pescara, che se avesse giocato anche solo al minimo delle possibilità palesate in altre occasioni, verosimilmente l’avrebbe almeno pareggiata.

Tutto sommato la classifica non è cambiata molto, con lo stesso Cagliari, probabilmente traumatizzato dal grave incidente occorso al suo capitano Daniele Dessena, travolto dal Brescia. Se il team biancazzurro saprà far tesoro di questa inopinata sconfitta vuol dire che se ne potranno trarre addirittura dei vantaggi in futuro, il che non appare nemmeno così improbabile visti i recenti trascorsi: ricordate la sconfitta dello scorso anno a Varese?

Un’appendice in merito alla querelle sulla costruzione del nuovo Stadio: la Soprintendenza alle Belle Arti e Paesaggio abruzzese ha posto il vincolo architettonico sulla struttura del Giovanni Cornacchia. Non vogliamo (e non possiamo) entrare nel merito tecnicistico della decisione, ma riteniamo appaia alquanto improbabile considerare una struttura di cemento armato come un bene da difendere a tutti i costi … abbiamo purtroppo assistito a ben altri scempi negli ultimi decenni (… e visto cosa si progetta per l’ex Cofa sembra che ne vedremo ancora …), mentre da un impianto finalmente all’altezza delle attese di Città e tifoseria, immagino, si potrebbero trarre solo enormi benefici. Seguiremo la vicenda, sperando in una futura soluzione positiva.

Per la cronaca della partita: http://www.pescaranews.net/notizie/sport/10885/sconfitta-meritata-del-pescara-a-cesena

 

Fabio Rosica

Contatti

redazione@iwasnotssl-www.pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK