Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Crisi di maggioranza in Regione: Mazzocca fa chiarezza sulle priorità

Condividi su:

 

 

Stamane, presso la Sede della Regione in Piazza Unione, in occasione della conferenza stampa di presentazione della Festa di Sel Abruzzo 2015,  abbiamo avuto modo d'incontrare   l'Assessore  Mazzocca, sereno e propositivo nonostante  le ultime settimane del panorama politico abruzzese siano state caratterizzate dalla crisi di maggioranza in Consiglio Regionale  e dalla possibilità di un rimpasto in Giunta che potrebbe toccarlo. Noto da sempre come valido esempio di competenza, dedizione e  fervente attività sul territorio, è stato raggiunto in breve tempo da innumerevoli manifestazioni di sostegno da parte dei cittadini e delle istituzioni locali.  Oggi e' arrivato il momento di porre l'accento sui punti focali della situazione.

 

Come si risolverà questa crisi?

"Ritengo che sussistano tutte le condizioni affinchè venga interamente prosciugata la palude in cui siamo incappati e che quindi ogni discussione in cui è oggi impegnata la maggioranza di governo porti ad una positiva conclusione."

 

 

 

Sarete lei e Sel a far posto a Gerosolimo?

"Non e' un problema di posti. Noi siamo da sempre avulsi da queste dinamiche: è la nostra cultura che ce lo impone, è la nostra storia che lo dimostra. Riteniamo, altresì, che sia fondamentale evidenziare gli aspetti di sostanza della discussione in atto:

1.  Trivelle: sarà il caso di accelerare sull’azione già importante svolta dalla Regione in questi mesi, cercando, dopo il Manifesto di Termoli, di alzare ulteriormente il livello del         confronto?

2.  Energia: sarà il caso di rinnovare l’impulso verso l’utilizzo realmente sostenibile delle fonti rinnovabili per generare energia pulita in un quadro ampio e strategico dalla               valenza tale da affrancare l’Abruzzo dalla dipendenza dell’approvvigionamento energetico?

3.  Aree protette: sarà il caso di implementare le politiche di sviluppo sostenibile dei nostri parchi affinché possano davvero elevarsi dalle attuali criticità a reali e concrete                opportunità, magari chiudendo il capitolo ultradecennale del Parco della Costa Teatina?

4.  Suolo: sarà il caso di affrontare decisamente la questione dell’uso del suolo ed il tema della rigenerazione urbana ora più che mai, quando siamo ancora alle prese con i           nefasti effetti delle eccezionali (che in futuro saranno sempre meno eccezionali) avversità meteo del marzo scorso ?

5.  Lavoro:  Sel ha predisposto un programma strategico per affrontare il tema del lavoro e della disoccupazione, a partire dall’esigenza del reddito minimo garantito, quale             base di discussione e ampia condivisione con le parti sociali e tutte le forze attive dell’Abruzzo.

Queste sono alcune delle questioni che noi riteniamo prioritarie per la maggioranza di governo e che connotano il nostro modo d'intendere l’impegno politico ed istituzionale. Le poltrone non ci interessano.Ciò che noi riteniamo vitale per la nostra Regione è un modello di sviluppo improntato a reali e concrete forme di sostenibilità. Una sostenibilità non solo di natura ambientale, ma, alla luce del perdurare della sfavorevole congiuntura ormai quasi decennale, anche e soprattutto sociale ed economica".

 

Condividi su:

Seguici su Facebook