Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

I Centri di Aiuto alla Vita si incontrano a Montesilvano

Da venerdì 7 a domenica 9 300 operatori a confronto

Condividi su:

Da domani a domenica il Grand hotel Adriatico di Montesilvano ospiterà il XXXIV Convegno nazionale dei Centri di aiuto alla vita, con la partecipazione di 350 operatori in arrivo da tutta Italia.

I lavori, annuncia Patrizia Ciaburro, presidente della Fondazione Movimenti per la vita Abruzzo, si apriranno domani, alle 17, con due tavole rotonde sulle donne in gravidanza e sul rapporto con il figlio che portano in grembo considerato che la ragione primaria dell'esistenza dei Centri di aiuto alla vita e dei Movimenti per la vita è proprio l'attenzione al concepito, con l'assistenza alle donne e alle coppie che si trovano ad affrontare una gravidanza inattesa.

Sabato, invece, dalle 9, il lavoro della giornata sarà articolato in gruppi che si occuperanno di una serie di temi, e cioè: "Identità e funzione del Cav. Riedizione del manuale Cav", "La dimensione pubblica del Cav: il rapporto con le istituzioni", "Educare alla vita", "Sos Vita", "Progetto Gemma", "Case di accoglienza. Insieme per crescere". La giornata si chiuderà con la Santa Messa presieduta dall'Arcivescovo Tommaso Valentinetti e con il concerto del gruppo strumentale "Cantare suonando", composto da giovani disabili. Domenica arriverà a Montesilvano il presidente nazionale Carlo Casini che modererà e concluderà la tavola rotonda (inizio ore 9.30) sul tema "Il concepito, uno di noi". Tra i relatori ci saranno Giuliano Ferrara, direttore de Il Foglio e promotore della moratoria sull'aborto, Francesco D'Agostino, presidente dei Giuristi cattolici, e Massimo Gandolfini, vice presidente di Scienza & Vita.

"Per noi - commenta Ciaburro - è un momento di incontro, di scambio di valori ed esperienze e quindi una occasione di crescita a cui teniamo molto".

I Centri di aiuto alla vita esistenti in Italia sono circa 300 e, oltre a fornire assistenza e supporto alle donne e alle coppie che devono gestire una gravidanza inattesa, gestiscono o collaborano alla gestione di circa 60 case di accoglienza e si occupano di assistenza alle persone in difficoltà, con il progetto Gemma. In Abruzzo i Centri di aiuto alla vita si trovano a Pescara, Sulmona e Vasto.

Condividi su:

Seguici su Facebook