Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Continuano le frane e le rotture degli impianti idrici. 65mila persone senza acqua. Aggiornamenti delle 21:45

Condividi su:

Aggiornamenti 11 marzo 2015

Aggiornamento ore 21:45
Peggiora la situazione legata alle frane e all'emergenza idrica. Le persone rimaste senza acqua, a causa dei danni subiti dagli impianti dell'ACA, sono circa 65 mila, tra le province di Pescara e Teramo.

Le persone colpite sono aumentate in quanto continuano gli smottamenti di terreno che hanno causato altri danni e altre rotture alle condutture. Per quanto riguarda la rottura dell'adduttrice Tavo, il danno era quasi stato riparato quando una nuova frana ha danneggiato nuovamente la tubatura. Il problema dovrebbe essere risolto entro la giornata di domani in quanto arriverà un nuovo giunto fatto preparare appositamente per questo problema che dovrebbe, si spera, risolovere il problema.

I comuni colpiti dai disservizi idrici sono Città Sant'Angelo (dove sono state chiuse le scuole del centro storico), Elice (Pescara), Atri e Castilenti (Teramo).

La terza frana in 24 ore ha colpito l'adduttore di Farindola, dove il problema sembrava risolto ma, l'immissione dell'acqua nelle condotte ha causato una ulteriore rottura. I lavori sono stati sospesi per la notte e riprenderanno domani. In questo caso i comuni coinvolti sono Farindola, Penne, Collecorvino, Picciano, Loreto Aprutino, Pianella, Cappelle sul Tavo, Spoltore (frazioni Caprara, Santa Maria e centro storico), Montesilvano (zone collinari alte) e Moscufo.

Aggiornamento ore 8:00
Sono iniziati I lavori di riparazione sull’addutrice Tavo nel comune di Farindola. Si prevede che i lavori termineranno nella tarda mattinata, con successivo avvio delle manovre di ripristino dell’erogazione idrica dalla sorgente, che saranno completate entro la tarda serata.

Aggiornamenti 10 marzo 2015

 

Aggiornamento ore 18:30
Terminati i lavori sull’adduttrice TAVO diramazione Montefino. Sono iniziate le operazioni di ripristino dell’erogazione idrica, che terminerà nella tarda serata, salvo complicazioni.

Terminati i lavori sull’adduttrice della sorgente Fonte Madonna, che alimenta il capoluogo di Civitella Casanova. Sono iniziate le operazioni di ripristino dell’erogazione idrica, che terminerà nella serata, salvo complicazioni.


Nuova emergenza idrica nel pescarese. A seguito di una frana avvenuta questa mattina a Farindola, si è rotta una condotta principale dell'adduttrice Tavo.

Per questo, circa 35 mila persone, fra i comuni di Farindola, Penne, Collecorvino, Picciano, Loreto Aprutino, Pianella, Cappelle sul Tavo, Spoltore (frazioni Caprara, Santa Maria e centro storico), Montesilvano (zone collinari alte) e Moscufo sono rimasti a secco.

Proprio ieri sera l'Aca aveva sistemato il guasto causato dal maltempo nei giorni scorsi sempre sulla stessa adduttrice. Non si conoscono per ora i tempi di ripristino e l'Aca ha fatto sapere che a causa dello scioglimento della neve nuove rotture potrebbero verificarsi nelle prossime ore.

Condividi su:

Seguici su Facebook