Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

ZTL, Del Vecchio smentisce la riapertura al traffico. Solo residenti e autorizzati

Saranno attivate le telecamere che multeranno i non autorizzati

la redazione
Condividi su:

Dopo la firma dell'ordinanza che regolerà la riapertura al traffico di Corso Vittorio Emanuele, sono iniziate le polemiche sui sensi unici di via Mazzini e via Roma. In un comunicato del Comune si legge che Del Vecchio smentisce tale riapertura e accusa qualcuno di alzare polveroni per confondere l'operato dell'Amministrazione Alessandrini.

Di seguito il comunicato inviato dal Comune:

In queste ultime ore si rincorrono voci infondate circa una riapertura al traffico di via Roma e via Mazzini. Evidentemente qualcuno sta cercando di alzare polvere per confondere ancora di più l’operato dell’Amministrazione Alessandrini sulla mobilità del centro città e, in particolar modo, su quanto accadrà per Corso Vittorio Emanuele e per l’intera Ztl centrale.

Stiamo parlando dell’intero quadrilatero ricompreso fra Corso Vittorio, via Roma, via Fabrizi e Via Mazzini dove possono transitare solo i residenti e i mezzi autorizzati. Rispetto a questo assunto, nulla cambia, a parte i sensi di marcia di alcune vie che, pur ricadendo dentro una Zona a traffico limitato, vanno regolamentati.

Di più: rispetto alla disciplina della Ztl l’Amministrazione Alessandrini sta attuando il progetto approvato dalla passata amministrazione, che contempla il controllo degli accessi attraverso un sistema di telecamere che limiterà ancora di più gli accessi.

Pertanto, quanto riportato oggi, solo indicativamente sull’ordinanza specifica di Corso Vittorio, altro non è che il ripristino nella zona Ztl di quanto prevedeva la viabilità preesistente e in linea con il progetto dell’amministrazione Mascia. Nessuna apertura al traffico!

Anzi, dopo l’entrata a regime degli accessi regolati dalle telecamere e la possibilità di incorrere nella sicura sanzione a violarli, siamo certo che ci sarà un atteggiamento più disciplinato da parte dell’utenza e il centro ospiterà ancora meno auto di quante ce ne sono oggi.

Condividi su:

Seguici su Facebook