Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Le app che possono semplificare l’informazione aziendale

Condividi su:

Aggiornarsi costantemente per molte aziende è tutto, “senza studio non c’è futuro” direbbe qualcuno, per farlo è necessario sapere quali sono gli strumenti migliori per velocizzare l’intero processo e ottimizzare i tempi necessari. Nei seguenti paragrafi ci sono tutte le pratiche che un’azienda con queste necessità dovrebbe conoscere per l’informazione del suo team.

Le applicazioni per la distribuzione di quotidiani in versione digitale

Molte sono le aziende che fanno uso di quotidiani per aggiornarsi con tutte le notizie di settore, è il caso, ad esempio, di chi si occupa di economia e finanza, di comunicazione e sport. Una delle pratiche più comuni è quella di utilizzare enormi pile di giornali da distribuire tra gli impiegati. Tuttavia, esistono soluzioni meno time e space-consuming. Uno dei maggiori problemi di chi è solito a questa pratica è l’enorme quantità di spazio occupata dalle mezzette di fogli ed il dover recuperare vecchie notizie su quotidiani passati.

Oggi questo problema è ovviato da applicazioni all-in-one che permettono di gestire tutti gli abbonamenti alle testate di maggiore interesse e di distribuirle grazie ad abbonamenti multiutente ad importanti giornali come, ad esempio, il Corriere della Sera. Il vantaggio di questi servizi sta nella riduzione di tempo, di capitale umano e di spazio, oltre che nella migliore organizzazione aziendale. Gli utilizzatori, infatti, non avranno bisogno di sguazzare tra pacchi di carta infiniti per ritrovare una news, gli basterà ritagliare e salvare l’articolo desiderato per poter ritrovare facilmente tutto ciò che gli interessa. Oltre all’ottimo servizio di archiviazione, infatti, la selezione e la condivisione di stralci di giornali e riviste stampate in versione digitale è fondamentale per una corretta comunicazione e condivisione delle informazioni all’interno di un team. Snellire le enormi matasse di titoli di giornali che possono essere usati in azienda, può quindi trasformarsi un vero e proprio vantaggio competitivo semplificando il lavoro e il tempo di tutti.

Oltre ai vantaggi operativi per chi utilizza direttamente questi strumenti, ci sono dei vantaggi importanti anche per chi deve gestire gli abbonamenti ai portali online. Gli uffici acquisti hanno la possibilità di concentrarsi, in questo modo, su un singolo fornitore specializzato in B2B capace di concentrare tutti i principali giornali italiani e non su un singolo portale. Grazie alla personalizzabilità di questi strumenti, è inoltre possibile aggiungere abbonamenti esterni non compresi nel pacchetto e gestire il tutto con un singolo strumento.

Aggiornamento in tempo reale grazie ai Feed RSS

Metodo diverso, ma altrettanto importante, di tenersi informati sul proprio settore è l’utilizzo dei così detti Feed RSS, strumenti che consentono di tenere aggiornato ogni membro del team sugli argomenti che più gli interessano. L’enorme quantità di informazioni che ci arrivano tutti i giorni ci impongono ai professionisti la necessità di filtrare ogni dato. Questo significa poter personalizzare le informazioni ricevute ritagliandole su misura per i ruoli e le esigenze lavorative dei singoli. I Feed RSS, possono fare per te proprio questo, sono dei filtri in grado di mandare notifiche all’individuo che ne fa uso ogni qual volta ci sia un aggiornamento su un determinato topic. Queste notifiche sono mandate ogni volta che avviene un cambiamento di stato su siti tenuti sotto osservazione o per parole chiave inserite dall’utente. In poche parole, questo permette di rimanere al passo con il mondo 24 ore su 24 su tutti gli argomenti desiderati. Per fare uso degli RSS ci sono diverse opzioni, la scelta verte principalmente tra:

  • Programmi installabili ed eseguibili su PC.
  • Applicazioni per Smartphone o IPhone.
  • Tool disponibili online e utilizzabili tramite browser.

Al giorno d’oggi, Feedly sembra essere il gestore di Feed RSS più apprezzato dal mercato con svariati milioni di download. Questo tool può aggregare ogni aggiornamento selezionato per un determinato argomento e raccoglierli classificandoli a seconda dei tag scelti dall’utente. I Feed RSS sembrano essere tra le armi preferite e più efficaci tra chi si occupa di svolgere la rassegna stampa per aziende.

Lo studio del proprio pubblico tramite il Social Media Monitoring

Per fare business nella società moderna è spesso necessario grande vicinanza alla propria clientela per poter intercettare bisogni, interessi e necessità. Per questo motivo, l’utilizzo di pratiche come il Social Media Monitoring sta prendendo sempre più piede nel nostro paese e non solo. Fare Social Media Monitoring significa tenere sotto controllo il “vociferare” delle persone su Social per un determinato argomento. Rimanere informati sull’opinione del proprio pubblico è fondamentale se si vuole usare queste informazioni a proprio favore. Gli strumenti che più ci sentiamo di consigliare a tal proposito sono:

  • Zoho Social: permette di concentrarsi sui contenuti creati dagli utenti su tutti i maggiori social contemporaneamente. In questo modo si può analizzare l’opinione pubblica riguardante un argomento o un brand. A renderlo unico c’è la possibilità di ascoltare i post creati grazie ad una bacheca in cui sono raccolti tutti gli aggiornamenti principali.
  • Hootsuite: serve a monitorare i profili pubblici dei brand che si preferisce analizzare. Particolarmente importante la funzione che consente di tracciare tutte le volte che uno specifico brand viene nominato, fattore determinante per focalizzarsi su uno specifico topic o competitor. Da apprezzare anche la presenza di filtri che permettono di personalizzare i dati che si stanno cercando, ad esempio, la selezione di archi temporali specifici per vedere l’andamento di una strategia nel tempo.
  • Keyhole: forse il meno noto, permette di tenere d’occhio il sentiment delle persone in riferimento ad una singola azienda. Questo significa sia conoscere l’opinione dei clienti per la propria azienda che l’opinione sulle aziende concorrenti. Tramite queste informazioni si può decidere di riprodurre una strategia di comunicazione rivelatasi più efficace osservando quello che fanno i competitor o continuare sulla propria strada.
  • Google Alert: non ha bisogno di presentazioni, probabilmente molti già lo conosceranno, si tratta però del Re del mercato, non potevamo quindi evitare di inserirlo in questo articolo. Per chi non lo avesse mai utilizzato, è uno strumento in grado di mostrare tutto ciò che accade attorno ad una parola chiave selezionata. L’applicazione permette di rimanere aggiornati su eventuali cambiamenti di stato con l’invio di e-mail.
Condividi su:

Seguici su Facebook