Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Pescara Colli: iniziano i lavori di riqualificazione di via Colle Innamorati

Condividi su:

“Sono partiti i lavori di riqualificazione di via Colle Innamorati, un intervento atteso da anni dalla cittadinanza. L’intervento, compreso all’interno del maxi-appalto che prevede il rifacimento di 15 strade cittadine, e aggiudicato all’impresa Diodato per circa 600mila euro, riguarderà il tratto compreso tra via Monte di Campli e strada Catani per una lunghezza di circa 600 metri lineari, dove abbiamo previsto il rifacimento del manto stradale e soprattutto la realizzazione di marciapiedi sinora inesistenti, al fine di garantire la sicurezza dei pedoni, e sacrificando eventualmente anche posti auto pur di assicurare i percorsi pedonali nei punti in cui le recinzioni delle abitazioni private hanno ristretto eccessivamente la careggiata. Per ora non è stato necessario vietare il traffico lungo la strada, che verrà chiusa alle auto quando andremo a rifare il manto d’asfalto e la segnaletica”.

Lo ha detto l’assessore ai Lavori pubblici Isabella Del Trecco che stamane ha effettuato un sopralluogo sul cantiere.

“Il progetto elaborato dagli uffici tecnici comunali – ha spiegato l’assessore Del Trecco – prevede interventi di manutenzione straordinaria con il rifacimento della pavimentazione della carreggiata stradale e il ripristino dei marciapiedi, con l’obiettivo prioritario di migliorare la sicurezza stradale pensando soprattutto a ciclisti, pedoni e quindi automobilisti. Le strade comprese nel maxi-lotto di opere sono state individuate tenendo conto di alcuni criteri, ossia la valutazione delle condizioni del manto superficiale delle arterie, la densità del traffico carrabile e pedonale e le risorse messe a disposizione per tale tipologia di intervento. La scelta dei materiali per la pavimentazione dei marciapiedi è stata determinata da ulteriori fattori, ossia il superamento delle barriere architettoniche; lo stato di usura della pavimentazione preesistente; le zone di particolare pericolo per il camminamento; l’importanza del tratto esaminato nel contesto urbano. E sulla base di tali valutazioni abbiamo deciso di intervenire su 15 strade che oggi versano in condizioni di particolare precarietà. Per le strade abbiamo previsto la scarifica dei primi 3-4 centimetri di asfalto e la posa in opera di un nuovo tappetino, al fine di evitare inopportuni rialzi del manto stradale; inoltre abbiamo previsto interventi sui chiusini stradali con la sostituzione dei coperchi di ghisa, la messa in quota dei pozzetti, la sostituzione delle guarnizioni in gomma antirumore dei coperchi e la pulizia contestuale delle caditoie qualora risultassero ostruite oltre al rifacimento della segnaletica orizzontale; per i marciapiedi abbiamo previsto scelte diverse a seconda dell’importanza urbana delle strade stesse e delle difficoltà tecniche eventualmente riscontrate, come l’impossibilità di andare nel sottosuolo per la presenza di sottoservizi. In linea generale abbiamo programmato la demolizione generale del preesistente, la fornitura e posa in opera dei cordoli e il rifacimento della pavimentazione in betonella o tappetino d’asfalto, sempre prevedendo il superamento delle barriere architettoniche. Sino a oggi il cantiere ha già interessato diverse strade e ora le ruspe si sono spostate in via Colle Innamorati, dove interverremo su una superficie stradale di 4mila 150 metri quadrati e su 500 metri quadrati di marciapiede, 600 metri lineari di strada compresi tra via Monte di Campli e Strada Catani. Nello specifico abbiamo previsto il rifacimento del manto stradale previa fresatura sino a una profondità di 8 centimetri, con la messa in quota dei pozzetti e il ripristino della segnaletica orizzontale. Ma quello che più ci preme è la realizzazione dei marciapiedi ex novo, preferendo eliminare posti auto a favore dei percorsi pedonali nei punti in cui le recinzioni private si trovano a ridosso della strada. Peraltro la prosecuzione delle opere determinerà ora anche l’eliminazione di un platano già autorizzata dal Corpo Forestale dello Stato, pianta che sostituiremo con un altro elemento verde nel rione. Ai cittadini, soprattutto ai residenti, chiediamo collaborazione per consentirci la rapida conclusione di opere indispensabili per garantire la sicurezza stradale”.

Condividi su:

Seguici su Facebook