Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Undici punti per mettere in riga il Governo della Regione Abruzzo

| di Maria Luisa Abate
| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

9 novembre, conferenza stampa nella sala Corradino D’Ascanio della regione Abruzzo in piazza Unione a Pescara, con Donato Di Matteo, Mario Olivieri e Andrea Gerosolimo per presentare alla stampa il progetto, elencato in undici punti, per risollevare le sorti del Governo Regionale.

Il problema che i politici hanno sollevato è la cattiva gestione che si è fatta sinora del Governo della regione Abruzzo capeggiato dal Governatore Luciano D’Alfonso. In due anni e mezzo dalle elezioni molti errori sono stati fatti in primis la gestione personalistica del Governatore che più volte ha portato in aula progetti già definiti e già organizzati nella realizzazione, senza pubblicità e soprattutto senza condivisione con l’assemblea.

Donato Di Matteo, che mette nella sua carica politica tutto il suo essere e la sua ideologia, stamattina appariva costernato del dover denunciare questa cattiva amministrazione di una assemblea di centro sinistra ampiamente votata dagli elettori.

Due anni e mezzo sono tanti, anzi forse troppi, ma i tre politici ed in particolare Di Matteo, hanno detto che sono propensi a credere che si possa cambiare modalità e finalmente utilizzare i voti avuti rispettando il volere ed i desideri degli elettori.

L’argomento che maggiormente è stato discusso è quello relativo alla sanità pubblica e di quanto questa sia stata defraudata rispetto a quella privata.

Il documento presentato da Di Matteo, Olivieri e Gerosolimo si articola in undici punti di una piattaforma programmatica che prospetta collegialità, sanità pubblica e niente clientele.

Questi i punti:

  1. Partecipazione e condivisione
  2. Sanità
  3. Politiche per le aree interne e montane
  4. Turismo e cultura
  5. Nomine
  6. Agricoltura
  7. Housing Sociale riorganizzazione del sistema pubblica e privati
  8. Politiche adeguate per la disabilità
  9.  Ottimizzazione della biodiversità e delle bellezze territoriali e naturalistiche della Regione Abruzzo con valorizzazioni di Parchi e riserve
  10. Polo logistico di protezione civile
  11. Adeguate politiche del lavoro

Undici punti che dovrebbero essere, anzi che sono, quelli di una campagna elettorale con una visione politica e sociale che dovrebbe avere un’assemblea di politici della sinistra.

Di Matteo ha anche denunciato le nomine date in modo alquanto arbitrario e per le quali si chiede di non continuare con questo clientelismo che non può e non deve essere per chi ha sbandierato pensieri di “sinistra” con alla base i problemi sociali, il territorio per il raggiungimento del bene comune.

A conti fatti ,i tre politici non hanno fatto altro che parlare del programma elettorale, che li ha visti nominati amministratori politici della Regione Abruzzo, disatteso e che dopo metà legislatura deve essere cambiato con un’inversione di rotta.

I punti della piattaforma presentata sono “semplici” e di facile lettura, ma se non vengono applicati sono come macigni che pesano sulla coscienza di chi, come amministratore eletto, vede svanire il futuro sociale per una continua e meschina politica del clientelismo e dell’arroganza che per troppi anni ha condizionato la politica locale e nazionale. 

Maria Luisa Abate

Contatti

redazione@iwasnotssl-www.pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK