Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

I Radicali chiedono di fissare una data per discutere la proposta di legge della "Grande Pescara"

Condividi su:

I Radicali italiani, nella difura di Riccardo Magi e  Valerio Federico chiedono di fissare una data per la proposta di legge sulla "Grande Pescara", queste le loro parole:

"Nel maggio del 2014 il 64% di 66mila elettori dei Comuni di Pescara, Montesilvano e Spoltore in un referendum consultivo dissero SI' alla nascita per fusione del Comune della Nuova Pescara. La disciplina dei referendum regionali prevede che "entro sessanta giorni dalla proclamazione dei risultati del referendum consultivo, il Presidente della Regione propone al Consiglio regionale un disegno di legge sull'oggetto del quesito sottoposto a referendum". Il Presidente non ha dato seguito all'obbligo di legge e da 20 mesi non si da alcuna risposta ai cittadini. Nel novembre 2014 il consigliere Mercante ha presentato una sua proposta di legge che ancora non è stata discussa. Il Segretario di Radicali Abruzzo Alessio Di Carlo è al suo undicesimo giorno di sciopero della fame al fianco del Diritto dei cittadini. Chiediamo che si dia immediata calendarizzazione e si fissi una data certa entro la quale la Commissione preposta esamini la proposta di legge e che il Presidente D'Alfonso si impegni pubblicamente perché vi sia una sollecita discussione consiliare. Domani la Deputata Mara Mucci depositerà in merito un'interrogazione urgente al Ministro dell'Interno Alfano per informarlo della violazione dello statuto regionale e del regolamento attuativo e chiederne il rispetto."

Condividi su:

Seguici su Facebook