Partecipa a Pescara News

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Conferenza su Architettura Medievale e Templarismo - Segreti e Misteri sotto i nostri occhi

I Templari sbarcarono in America tre secoli prima di Cristoforo Colombo?

Condividi su:

La storia dei Templari, le loro origini celtiche, le leggende e i misteri che hanno da sempre circondato quest’ordine religioso/cavalleresco, fondato da Bernardo di Chiaravalle, sono stati al centro di una affascinante conferenza, ospitata ieri pomeriggio dall’emporio-libreria I Luoghi dell’Anima, in Via Campobasso a Pescara.

L’ing. Alfonso Recinella, esperto simbolista, ha coinvolto il numeroso e competente pubblico, interagendo con domande e risposte, nel contempo di una narrazione dettagliata nel racconto dei fatti storici, quanto ricca di interpretazioni suggestive tra passato e presente.

L’attuale difficile e, per alcuni versi, drammatico momento socio-politico che l’umanità sta affrontando ormai dall’inizio del nuovo millennio (potremmo verosimilmente collocarlo a partire dall’11 settembre 2001) è figlio del fallito tentativo del succitato Bernardo di Chiaravalle di operare una sorta di fusione pacifica fra il mondo cristiano e quello islamico, talmente diversi e divisi che, all’indomani della caduta del Sacro Romano Impero, rischiavano (e così fu) di scontrarsi mortalmente.

Per quale motivo i Templari, all’inizio della loro prima Crociata, si affannarono a scavare con metodica e decisa convinzione nei luoghi dove si presume fossero localizzati i resti del Tempio di Re Salomone? Solo per depredarne i tesori? Oppure cercavano qualcosa che sapevano con assoluta certezza vi fosse nascosto? L’Arca dell’Alleanza? Il Santo Graal? O testi antichissimi e segreti?

Alternandosi ad alcune letture dell’esperto comunicatore Carlo Colucci, la seconda parte della conferenza, tenuta dall’architetto Giorgio Caizzi, focalizzandosi sulla simbologia più o meno nascosta degli edifici sacri costruiti nei secoli immediatamente successivi all’inizio del secondo millennio, ha provato a dare delle risposte alle precedenti domande.

La celebre Cattedrale di Chartres, ad esempio, forse il più perfetto esempio di stile gotico, è il luogo emblema per eccellenza del simbolismo, con il suo famoso labirinto inscritto al centro della navata centrale, ma anche e soprattutto per la precisione ai limiti del “digitale” delle sue misure, di seguito descritte in questa slide:

Anche il nostro territorio, però, ospita esempi di “architettura misteriosa”, come la Chiesa di San Tommaso Becket a Caramanico Terme, dove troviamo scolpita, in una facciata, l’inconfondibile figura della pannocchia di mais, pianta originaria del Sudamerica, ma la chiesa fu edificata nell’anno 1202, quasi trecento anni prima, quindi, del celebre sbarco di Cristoforo Colombo sulle spiagge di San Salvador …

I Templari erano divenuti, nel tempo, ricchissimi, al punto che furono considerati in seguito i primi banchieri della storia; erano forniti di una flotta imponente, quindi perché non considerare che fossero giunti in terra americana diversi secoli prima dell’ammiragl io genovese? Oltretutto possedevano enormi fortune in argento, prezioso minerale che all’epoca non era possibile reperire facilmente nei luoghi conosciuti, mentre al di là dell’Atlantico se ne trovava in grande quantità! Questa ipotesi ci riporta agli scavi da loro effettuati sotto i resti del Tempio di Re Salomone: vi trovarono forse anche delle mappe sconosciute indicanti la rotta per il continente americano?

Di questo e di molti altri interrogativi che potrebbero (e dovrebbero) riscrivere i libri di storia  si continuerà a parlare in un prossimo incontro, stessa sede, a cui i relatori hanno dato appuntamento per il 25 aprile.

Condividi su:

Seguici su Facebook