The Urban Box, lo streetwear di Pescara verso il made in Italy

| di la redazione
| Categoria: Informazione Aziendale
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Promuovere il made in Italy nel mondo streetwear: è questo l'obiettivo che si è posto il "nuovo" The Urban Box store a Pescara in Via Cesare Battisti. 

Lo stile streetwear muove i suoi primi passi in America a cavallo tra gli anni ’80 e ’90 per poi  diffondersi a livello mondiale e in Italia. Nel 2012 Lorenzo Marone decise di aprire il primo negozio dedicato a questo stile in Via Gobetti, portando uno specifico genere di streetwear legato alla street art ancora  nuovo e sconosciuto alla clientela.

Con il passare degli anni The Urban Box ottenne maggior successo, tanto da spostare il negozio in Via Cesare Battisti, principale ritrovo della movida pescarese, in una location più grande e tutta nuova, ritornando alle origini del progetto con due spazi completamente distinti: galleria d'arte e negozio di abbigliamento.

QUAL E' LA DIFFERENZA TRA LO STILE ITALIANO E QUELLO AMERICANO?

"Le grandi differenze sono le qualità dei materiali e l’attenzione ai particolari, come ad esempio le cuciture, taglio dei capi e la grammatura del cotone. 

Tante aziende americane molto importanti, a livello internazionale, hanno deciso di portare le produzioni e le linee streetwear qui in Italia, dove esistono poli importanti, sia produttivi ma anche creativi come quello di San Benedetto del Tronto, noto per la creazione di modelli di sneakers di un certo livello.  Anche altri poli che prima erano per la produzione di massa e di un livello inferiore adesso sono cresciuti, come ad esempio Barletta, dove grandi maison francesi hanno deciso di appoggiarsi per  produrre anche linee streetwear.

Il trend che abbiamo voluto prendere è proprio questo: sostenere l’Italia ed il made in Italy che si sta facendo sempre più apprezzare e crescendo anche a livello internazionale nell’ambito dello streetwear. 
Inoltre molti ragazzi che sono partiti come influencer nel nostro paese  adesso sono diventati designer apprezzati a livello mondiale.

Con l’apertura del nuovo punto vendita The Urban Box ha voluto fare un salto di qualità. Tutto l’aspetto dell’immagine, correlata dello store, è stata curata dalla visual, Martina Navazio, che ha frequentato la facoltà di Scienze Manageriali di Pescara ed ha conseguito il titolo di Visual Merchandising presso Associazione Italiana Visual Merchandising e Vetrinistica di Milano, lavorando presso il gruppo Zara e Sarni.

Fortunatamente, avendo queste figure all’interno del nostro Paese, al posto di lasciarle scappare via è bello potersene avvalere, valorizzare e farle conoscere sul piano Nazionale.

The Urban Box sta ottenendo ottimi risultati anche grazie all’attenzione per la qualità del prodotto che è tornata a giocare un  ruolo fondamentale per  il nostro Paese, che da sempre è conosciuto in tutto il mondo per le grandi qualità manifatturiere e ancor di più si sta facendo spazio in questo momento ottenendo ottimi risultati sui nuovi mercati che si aprono come quello asiatico dove eravamo conosciuti per l’alta moda classica, come Armani, Valentino, Fontana.

Siamo partiti da innovatori del trend americano e oggi che questo genere ha preso piede in chiave italiana, vogliamo continuare il nostro percorso di ricerca dello streetwear con novità ed eccellenze del nostro territorio."

COME RISPONDE PESCARA AL MONDO DELLO STREETWEAR?

"9 anni fa, quando iniziammo, ci volle molto tempo per ingranare la marcia e soprattutto  per far apprezzare  questo nuovo stile.
 Anche in America il connubio tra streetwear ed Urban art era un qualcosa di embrionale e forse in Italia era veramente troppo presto per poterlo apprezzare. Da due-tre anni a questa parte c’è grandissima risposta, tanto è vero che in realtà anche negozi “classici”, che prima vendevano capi casual, adesso si sono cimentati nel mondo dello streetwear. 

Pescara è una città che risponde bene alle mode e noi essendo innovatori abbiamo deciso, su questo trend, di reinventarci nuovamente spostando la nostra attenzione sullo streetwear made in Italy.

Da quando ci siamo trasferiti da Via Piave a Via Cesare Battisti siamo cresciuti tantissimo. 

Abbiamo voluto creare un’ambiente molto elegante grazie alla nostra Visual che ci ha dato un gusto internazionale, sottolineato dall’utilizzo di materiali pregiati come il marmo ed arredamenti di design che rispecchia  il trend dei concept store come il nostro dove poter vendere in un ambiente elegante  pezzi unici, eccentrici e di ricerca. 

Per noi è stata un’altra rivoluzione e abbiamo avuto un riscontro molto favorevole e di questo siamo entusiasti.
Abbiamo ridato la giusta importanza anche allo spazio espositivo che è alla base della nostra filosofia e che intendiamo utilizzare per diversi eventi.

La prima esposizione con cui abbiamo deciso di inaugurare la galleria dopo tutti questi mesi di stop dove non abbiamo potuto fare mostre,  è stata quella di Alessandro D’Aquila, ci sembrava giusto ripartire da lui in quanto collaboriamo da tanti anni e in più è colui che ha creato il nostro logo."

indirizzo: Via Cesare Battisti, 26 - 65122 - Pescara

web: www.theurbanbox.it

email: tubpescara@gmail.com

tel: +39 085 867 2428

la redazione

Contatti

redazione@iwasnotssl-www.pescaranews.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK